Time Magazine nell’ultimo numero del mese di giugno  dedica uno speciale al futuro del lavoro. Citando tra gli altri un recente report di McKinsey dove si evidenzia come oltre l’ 85% dei nuovi posti di lavoro creati tra il 1998 e il  2008 riguardi nuove professioni e più in generale il “knowledge worker” nelle aree del  problem-solving e del corporate strategy.
Se pensiamo che solo 10 anni fa non esisteva facebook e ancora dieci anni prima non avevamo il web!
Oggi siamo davanti ad una crisi economica e di occupazione che è la peggiore degli ultimi anni, paragonabile e forse peggiore di quella del ‘29.
Siamo davanti ad una rottura, ad una discontinuità forte. Dove il cambio di paradigma non è uno slogan bensì una necessità.
La velocità con cui cambieremo i modelli di management e di governance delle nostre aziende determinerà la velocità con cui usciremo da questa crisi.
  • Butta via la tua borsa da ufficio: ci saranno più freelance, più flessibilità,multi appartenenza, molteplici identità connesse
  • Il tuo nuovo capo non somiglierà al tuo vecchio capo: maggior trasparenza e fiducia
  • Puoi “saluare i tuoi benefits”: non ci sarà un sistema di welfare in grado di garantire una pensione ai baby boomers.

Ma c’è un mondo di opportunità se ci rendiamo conto di cosa stà accadendo

time cover

Nelle aziende oggi si respira un clima da montagne russe.Gli stati d’animo e l’espressione degli employ, dei manager è un viaggio nell’incertezza.

Diapositiva03

Siamo davanti alla crisi di un modello: le organizzazioni non possono più essere gestite sul modello fordista

  • E’ in crisi il ruolo del capo con i sui modelli di leadership
  • Le aziende della fabbrica di Gantt e Taylor sono state gestite con razionalità e controllo
  • Razionalità che  segmentava e parcellizzava il lavoro  in tanti piccoli processi  perdendo la visione d’insieme
  • Aziende centrate sul prodotto e non sulle persone
  • Basate su modalità direttive
  • Un modello di aziende molto ordinate

Aziende senz’anima

Diapositiva04

Modelli che hanno fatto il loro tempo. Aziende condotte come greggi, che oggi sono lente, che oggi sono ingombranti bloccano la strada verso il futuro e l’innovazione

Diapositiva05

Questo ha portato ad una totale crisi di fiducia verso il top management

Diapositiva06

Le immagini dei dipendenti  di Lehman Brothers, dipendenti il cui licenziamento è stato comunicato inviando una email hanno fatto il giro del mondo, la crisi finanziaria non è che la punta di un icesberg di una una crisi che si è propagata all’economia reale.

Al suo processo per le responsabilità avute nel tracollo Lehman il CEO Richard Fuld dichiara la sua estraneità ai fatti pur avendo percepito retribuzioni altissime.

Non basta l’intera vita lavorativa  di un comune mortale per raggiungere il salario di un solo anno di Mr. FULD

Diapositiva07

C’è molto lavoro da fare dentro e fuori l’ Enterprise

  • Bisogna rifondare le relazioni dentro e fuori l’azienda
  • Nelle aziende bisogna dare spazio alle relazioni tra pari
  • Ridefinire le relazioni di fiducia – di trust- tra l’azienda e il proprio mercato
  • Bisogna attivare conversazioni, diaologhi  e non monologhi,
  • Cercando di coinvolgere e non di convincere
  • Entrare nelle conversazioni in rete con trasparenza
  • Rompere i silos aziendali e interaziendali per liberare energie
  • Ingaggiare gli utenti e i dipendenti sulle proprie passioni.

Diapositiva08

C’è una generazione che usa naturalmente i social media

Ci sono gruppi che discutono di prodotti liberamente promuovendo idee facendo sentire la propria voce

Quest’anno la Ferrero è passata al primo posto come brand più conosciuto e apprezzato al mondo

Troviamo conferma nei i social media, confermano la diffusione.

Il gruppo più numeroso oggi presente su Facebook è il gruppo della Nutella.

I giovani pensano e progettano sistemi basati sulla

fiducia,

l’endorsment,

danno e chiedono feedback su quello che accade,

quello che vedono,

quello che pensano

Project work d’esame degli studenti

Diapositiva09

Un passaggio ancora verso l’esterno, di come le conversazioni e l’ingaggio sul web attraversa i social media

I social network continuano a crescere.

Il futuro che è già un pezzo di storia: Barak Obama ha utilizzato i social media per comunicare e coinvolgere nel lungo cammino della sua campagna elettorale gli elettori

Il 70% dei fondi della campagna elettorale sono stati raccolti via web

Ancora il time dedica un lungo approfondimento sulla modalità con cui Obama ha condotto la sua comunicazione esterna

Sia il MIT che altre prestigiose università hanno attivato studi che approfondiscono la strategia della campagna elettorale di OBAMA

Diapositiva10

Un passaggio verso l’interno dell’azienda •

Diapositiva11

E’ interessante questo schema che ho ripreso da un recente studio di Gartner che analizza come

I social software possono rappresentare “il ponte” tra formal e caos.

Da questo schema vediamo come molte organizzazioni sono formal o nel caos

Da un lato forzando gli utenti a dover usare e poter contare su di una comunicazione e condivisione via email, telefono o face to face per fare le cose

Vediamo come i Social software possono riempire questo gap, questo vuoto tra il formal e il caos offrendo ambienti facili da usare, e che incoraggiano la partecipazione, le relazioni tra pari, lavorando su concetti come l’emergenza dal basso e la persistenza.

L’ultimo  passaggio prima di concludere

Proviamo ad entrare in un tema importante: quello della valutazione della formazione

Abbiamo un quadro di riferimento noto agli addetti ai lavori: i livelli di Kirkpatrick che possiamo dire che esplorano la dimensione individuale. Grazie all’ aggregazioni dei feedback riusciamo ad aver il grading dell’intervento formativo. L’impatto dell’intervento sull’individuo.

Proviamo ad esplorare velocemente due altre prospettive

Social Network e Social Knowledge

Diapositiva12

Come abbiamo visto nella affinity map sugli interessi

Immaginate di usare questo tool lungo un percorso di formazione d’aula

Ho un prima – un durante  – ed un dopo corso. Posso valutare l’impatto che ha avuto sul mio gruppo classe e la mia rganizzazione la diffusione del learning topic Gurdando ladensità, la coesione o la centralità dei learning topics rispetto al gruppo classe e in seguito persone che sono nodi della rete estesa di people della mia organizzazione

Diapositiva14

Così come posso visualizzare e monitorare come variano le relazioni tra i learners  lungo un percorso formativo

Diapositiva14

Fino ad avere un CRUSCOTTO che mi rappresenta una FOTO “reale” dell’impatto degli interventi formativi sulle mie persone

Diapositiva15

Per innovare bisogna cambiare e

Diapositiva16

Facciamo attenzione a non diventare tutti folli.